CATERINA CHINNICI OGGI POMERIGGIO IN VISITA AL CENTRO SAVE THE CHILDREN ALLO ZEN: “È IN REALTÀ COME QUESTA CHE SI COSTRUISCONO I MATTONI DEL CAMBIAMENTO, INSIEME CON LA SCUOLA FALCONE UN PRESIDIO EDUCATIVO E DI LEGALITÀ PER IL QUARTIERE”

“Il vostro è un lavoro formativo di grande rilevanza sociale, in un quartiere che soffre un disagio economico e culturale ma che, col giusto sostegno, ha anche molte energie positive da poter esprimere. È stata una gioia vedere così tanti bambini condividere il gioco e la lettura, suonare e disegnare insieme. È anche in realtà come questa che si costruiscono i mattoni del cambiamento”.

Punto luce 1

Da sinistra Massimo Merlino, Mariangela Di Gangi, Caterina Chinnici, Alessandra Notarbartolo e Maria Carmen Fasolo

È l’apprezzamento rivolto stasera da Caterina Chinnici agli operatori del “Punto Luce Palermo-Zen” di Save the Children a San Filippo Neri, a Palermo, nel corso di una visita informale che ha dato all’eurodeputata siciliana l’occasione per assistere alle attività di apprendimento, ludiche e creative offerte dal centro ai bambini e agli adolescenti del quartiere. Ad accoglierla Massimo Merlino, referente territoriale del Dipartimento Povertà della Ong, e Mariangela Di Gangi di Laboratorio Zen Insieme.

Punto luce 2

“Considero prezioso il contributo delle Ong impegnate in prima linea perché, grazie alla loro conoscenza della realtà e alle competenze specifiche, sono in grado di svolgere servizi che le amministrazioni pubbliche non potrebbero assicurare solo con le proprie forze. La presenza del Punto Luce Palermo-Zen è un valore aggiunto sia per i bambini che per le famiglie del quartiere, un presidio educativo e di legalità importante come lo è anche la scuola Falcone”, conclude Caterina Chinnici, che due settimane fa con il ministro della Giustizia Andrea Orlando aveva fatto visita proprio all’istituto scolastico rimasto oggetto di atti vandalici da parte di ignoti.

Punto luce 5

(COM)

Condividi su... Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someone